Pagine viste dal
14 dicembre 2005:

Paolo Ricca

LEZIONI DI PIANOFORTE E TASTIERE

I corsi sono rivolti sia ai principianti che agli allievi già avanzati nello studio.
Il programma delle lezioni, che comprende diversi stili musicali (jazz,classica, pop, rock, blues, latin) viene sviluppato e finalizzato secondo gli interessi dell'allievo.
Ad esempio, se si è interessati ad un genere musicale o ad un artista in particolare, il programma di studi verrà sviluppato in modo da fornire gli strumenti adeguati che permetteranno all'allievo un'esecuzione corretta.
Fin dalla prima lezione la teoria è affiancata alla pratica sullo strumento.
Parallelamente al corso di pianoforte e tastiere viene sviluppato un corso di armonia, di base ed avanzato, come descritto più dettagliatamente in seguito.
A scopo esemplificativo, segue il programma del corso di pianoforte e tastiere ad indirizzo jazz e quello di armonia:

PIANOFORTE - TASTIERE (INDIRIZZO JAZZ)

  • BLUES
    STRUTTURA E SVILUPPO
    ESERCIZI RITMICI
    TEMI ED IMPROVVISAZIONE
    ESECUZIONE CON L'AUSILIO DI BASI
  • SCALE PENTATONICHE MAGGIORI E MINORI:
    UTILIZZO PER LA COMPOSIZIONE, L'IMPROVVISAZIONE E L'ARRANGIAMENTO IN AMBITO JAZZ, POP, ROCK, ECC...
  • SCALE OTTOFONICHE, PROGRESSIONI, PATTERNS, ACCORDI PER QUARTE
  • JAZZ
    STRUTTURE (BLUES MAGGIORE E MINORE, II-V-I, ANATOLE, STANDARDS, ECC...) DAL BE-BOP ALLA FUSION ATTRAVERSO JAZZ MODALE, FREE-JAZZ, JAZZ-ROCK, ECC...;
    STRUTTURE, COMPOSIZIONI, IMPROVVISAZIONE NEI VARI STILI CON L'AUSILIO DI BASI CHE PERMETTONO DI SUONARE ED ESERCITARSI CON UNA VERA SEZIONE RITMICA.

PER OGNI STILE TRATTATO, ACCOMPAGNATO DA UNA GUIDA ALL'ASCOLTO, VERRANNO ESEGUITI ED ANALIZZATI BRANI CARATTERISTICI ED IMPORTANTI DI OGNI PERIODO, IMPARANDO A SUONARE ED IMPROVVISARE NEI VARI STILI.
VERRANNO ALTRESÌ ANALIZZATI E STUDIATI I MAGGIORI MUSICISTI ED IN PARTICOLARE I PIANISTI (B. POWELL, B. EVANS, T. MONK, MC COY TYNER, C. COREA, H. HANCOCK, J. ZAWINUL, ECC...) CHE HANNO APPORTATO LE PIÙ SIGNIFICATIVE INNOVAZIONI ALLO SVILUPPO DEL JAZZ.
INFINE, SECONDO LE PERSONALI INCLINAZIONI DI OGNI ALLIEVO, LA VIA ALLO SVILUPPO DI UNO STILE PERSONALE.

  • IL PIANO JAZZ NEL TRIO
  • ACCOMPAGNAMENTO DI UNO STRUMENTO SOLISTA
  • IL PIANO-SOLO
  • TASTIERE: UTILIZZO NELLA COMPOSIZIONE ED IMPROVVISAZIONE DI PITCH-BEND E MODULATION (CON ESECUZIONE ED ANALISI DI BRANI ESEGUITI DA C. COREA, T. COSTER)
  • ARRANGIAMENTO, IMPROVVISAZIONE, ACCOMPAGNAMENTO IN AMBITO POP-ROCK
  • SCRITTURA A PIU' VOCI UTILIZZATA IN AMBITO POP
  • RAGTIME
  • LATIN
    SALSA, MERENGUE, BOSSA NOVA, ECC...; ESECUZIONE DI BRANI CON L'AUSILIO DI BASI (L. GOINES, JOBIM, ECC...).
    UTILIZZO DEL PIANOFORTE E DELLE TASTIERE CON I LICKS TIPICI DEI VARI STILI.
    CONTAMINAZIONI DELLA MUSICA LATINA CON ALTRI GENERI MUSICALI (JAZZ, POP, FUSION)
  • POLIRITMI
    DALLA MUSICA AFRICANA A QUELLA OCCIDENTALE, COME SONO STATI USATI E COME UTILIZZARLI PER L'IMPROVVISAZIONE E LA COMPOSIZIONE DI NUOVI BRANI
  • MUSICA D' INSIEME: SUONARE IN UN GRUPPO
  • MUSICA E NUOVE TECNOLOGIE:
    COMPUTER, LOOPS, CAMPIONAMENTI; CONTAMINAZIONE TRA IL JAZZ, IL POP E I NUOVI GENERI MUSICALI (TRIP-HOP, JUNGLE, LOUNGE, ECC...)
    COME UTILIZZARE LE MACCHINE IN MODO CREATIVO.

IL CORSO VIENE SUPPORTATO DA DISPENSE, SPARTITI, CASSETTE CONTENENTI LE BASI DEI BRANI DA STUDIARE.

ARMONIA

  • INTERVALLI
  • MODO MAGGIORE E MINORE
  • ARMONIZZAZIONE DELLA SCALA MAGGIORE E MINORE A TRIADI E QUADRIADI
  • TONALITA' E MODALITA'
  • DOMINANTI SECONDARIE
  • ARMONIZZAZIONE DI UNA MELODIA
  • ACCORDI DI SETTIMA, DIMINUITI, ALTERATI, ECC... E LORO UTILIZZO
  • ACCORDI DI NONA, UNDICESIMA, TREDICESIMA
  • LA MODULAZIONE
  • ALLARGAMENTO DELL'ARMONIA TONALE: SCALE MODALI, ESATONALI, PENTATONICHE, ARMONIA PER QUARTE, QUINTE, ECC..., POLITONALITA'
  • ANALISI DELL'ARMONIA IN VARI CONTESTI (JAZZ, POP, CLASSICO, LEGGERA) E LORO CONNESSIONI

OGNI ARGOMENTO VIENE TRATTATO CON ESEMPI E RIFERIMENTI A BRANI E STILI CONOSCIUTI IN MODO DA PERMETTERE MEDIANTE LA COMPOSIZIONE E L'ARRANGIAMENTO L'UTILIZZO PRATICO DELLE NOZIONI ACQUISITE